Premium Planner®. We make sense to your organizational change.

Libera composizione

derivante da 5 ritratti realizzati per

Premium Attitude Project srl,

approvata dall’artista.

Maurizio Galimberti.

Private collection © 2017 Premium Attitude Project srl

Premium Attitude Project nasce con l’obiettivo di generare letteratura nell’ambito della Consulenza Organizzativa. Creare e disegnare ambienti in ecologia con il sistema di riferimento che potenzino/favoriscano i processi di cambiamento.

Modello ispiratore del Progetto è il Premium Attitude® Model, pensato e voluto dai Founder per promuovere una nuova visione di sistema/olistica dell’organizzazione.

Il Modello Premium Attitude®, nella sua declinazione comportamentale e strategica, prevede un agire che sia espressione armonica di 3 dimensioni: Professionale, Estetica e Umana.

La Consulenza classica si arricchisce e cambia volto, così come i professionisti che sposano il Progetto…siamo per voi Premium Planner: un team in grado di mettere in connessione competenze diverse; dalla lettura/mappatura dei Processi fino alla sistemica attraverso le costellazioni morfogenetiche passando per l’Art Project.

DIMENSIONE PROFESSIONALE

La dimensione professionale è legata alle competenze di ruolo e al “saper fare”.

E’ la dimensione in cui generalmente si è più in comfort in quanto prende in causa le competenze legate alla propria attività lavorativa.

L’indicatore della dimensione professionale è l’“ATTENZIONE AL DETTAGLIO”, ossia la capacità di agire in modo puntuale e preciso; di intercettare il dettaglio e intervenire per raggiungere l’eccellenza di sistema.

Questa dimensione richiede di agire un pensiero analitico sul processo e sulle premesse in modo da permettere all’individuo di sviluppare una grande flessibilità mentale necessaria per modificare la propria azione qualora non fosse efficace rispetto all’obiettivo che s’intendeva raggiungere.

DIMENSIONE ESTETICA
{

“Shakespeare ci sta dicendo che l’arte è un’attività che ci consente di prendere ciò che è spiacevolmente banale e trasformarlo in qualcosa di meraviglioso e degno di nota.”

Desmond Morris

La dimensione estetica è da intendersi non nell’accezione di “bellezza”, ma nell’accezione filosofica del termine: cioè la capacità di dare senso e valore a ciò che si fa, pensando a chi riceverà quell’azione. Questa capacità, se agita, attiva un processo trasformativo: si prende qualcosa di buono e lo si rende meraviglioso e degno di nota; si rende straordinario l’ordinario.

In particolare la dimensione estetica si esprime attraverso 2 indicatori:

MAKE SENSE: cioè la capacità di dare senso e valore a ciò che si fa, avendo presente che ogni micro attività contribuisce alla produzione del risultato finale.

MOVIMENTO ANTICIPATORIO: ossia l’arte di generare narrazioni che tengano conto dell’interlocutore, anticipandone le domande o le esigenze. Attraverso il movimento anticipatorio ci focalizziamo sui nostri interlocutori in modo che il messaggio, i comportamenti, i prodotti, possano essere percepiti come rivolti a loro in modo personalizzato.

Un modo di raccontare il nostro Logo.

Francesco Baronti

Artista

DIMENSIONE UMANA
{

“Ognuno di noi è un centro in movimento, uno spazio di mistero divino. E se trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in superficie e nei dettagli quotidiani dell’esistenza ordinaria, la maggior parte di noi ha fame di connettersi a questo spazio interno, di passare alla beatitudine, di essere spazzato via in qualcosa di più grande di noi.”

Gabrielle Roth

La dimensione umana si esprime attraverso la capacità di stare completamente presenti nella relazione con l’altro, generando un’attenzione autentica e creando coinvolgimento. Questo richiede una certa sensibilità nel creare un contatto tale da far sentire l’altro in pieno possesso della nostra attenzione.

La dimensione umana ha 2 indicatori:

GROUNDING, ossia la capacità di stare presenti nel qui ed ora in quello che accade a contatto con ciò che ci circonda: il nostro interlocutore, il contesto, il lavoro.

CAMPO MORFOGENICO/MORFICO, ossia la capacità di collegarsi alla memoria storica di un gruppo, alla sua identità, alle sue radici profonde come fonte di risorse e di guida verso il futuro, contribuendo al suo sviluppo.

SCENARI DI QUARTIERE

“Il Teatro fuori da teatro è il Teatro che va incontro alla gente e in questo si riappropria della...

FCEM

Con la sua struttura e la sua opera FCEM si pone il fine di promuovere, supportare e collegare...

EUHOFA

Euhofa è un’associazione senza scopo di lucro e raccoglie oltre 200 membri provenienti da 50...

MOTORSHOW

L’edizione 2017 del Motor Show sì è chiusa con un sensibile aumento di pubblico rispetto...